/Shutterstock

DI -Segnalazione aggiuntiva di Amy Eisinger

Sebbene praticamente tutte le attività, dallo yoga al sonno, richiedano energia, gli studi suggeriscono esercizio vigoroso è particolarmente efficace a bruciare calorie . Sembra ovvio, vero? Il lavori più duramente , più bruci. Ma non è solo durante l'esercizio, è per ore dopo che si è concluso. Ed è qui che le cose si fanno interessanti.


Il bisogno di sapere

L

FISSALO


Il cosiddetto 'effetto postcombustione' è più ufficialmente noto come consumo di ossigeno in eccesso dopo l'esercizio o semplicemente, EPOC. E non è una novità nel mondo del fitness. Diversi studi suggeriscono che esiste una forte correlazione tra il numero di calorie bruciate dopo l'esercizio e l'intensità dell'attività. In poche parole: più intenso è l'esercizio, più ossigeno il tuo corpo consuma in seguito.



In uno studio, i partecipanti che hanno pedalato vigorosamente per 45 minuti hanno bruciato circa 190 calorie in più nelle 14 oredopoesercizio rispetto ai giorni in cui non hanno funzionato affatto. In un altro studio condotto con coloro che avevano sindrome metabolica , EPOC ha avuto anche effetti positivi significativi, il che significa che questo tipo di formazione potrebbe essere particolarmente utile per combattere alcuni problemi di salute, come l'obesità e il diabete.

E mentre uno studio ha dimostrato che il tuo postbruciatore aumenterà significativamente con la durata (cioè più lungo e più intenso sarà il tuo allenamento, più brucerai), tu non devi necessariamente allenarsi a lungo per stimolare l'effetto.

È qui che entrano in gioco gli allenamenti brevi e ad alta intensità. Protocolli di allenamento come Tabata , dove 20 secondi di sforzo totale sono seguiti da 10 secondi di riposo, sono un modo per attivare il postcombustione; altri allenamenti a intervalli ad alta intensità (o HIIT routine), come l'allenamento del set di densità, il Piccolo metodo , o 10-20-30 allenamento , può anche portarti lì. La chiave con uno di questi programmi è che devi lavorare sodo. Parliamo di esercizi eseguiti a dal 70 all'85 percento della frequenza cardiaca massima di un individuo.


E non è necessario attenersi al cardio tradizionale per ottenere un effetto EPOC. Diversi studi hanno dimostrato che l'allenamento con i pesi con vari tipi di attrezzature può anche suscitare un EPOC elevato e può persino essere più efficace dell'allenamento cardio in determinati scenari.

Se non conosci questo tipo di allenamento intenso, prova un rapporto lavoro-riposo di 1:2, dice Matt Miller , allenatore e Greatist esperto. Ad esempio: 60 secondi di lavoro, seguiti da due minuti di riposo. Miller ha suggerito un allenamento strutturato in questo modo: cinque minuti di riscaldamento, 60 secondi di corsa veloce e due minuti di camminata di recupero; ripetuto da sei a otto volte; seguito da cinque minuti di defaticamento. Ciò equivale a circa 30 minuti in totale.

Bonus: se hai un 'pasto cheat', l'allenamento post-duro sarebbe il momento di farlo. 'Dopo un esercizio intenso, come lo sprint, il muscolo scheletrico è a basso contenuto di glicogeno', afferma Jason Edmonds , un biologo ed esperto Greatist. 'Il glicogeno è ciò che i muscoli usano come carburante durante lo sforzo. Di conseguenza, è più probabile che un trattamento zuccherato o amidaceo venga utilizzato per ripristinare quel deposito di glicogeno, invece di essere immagazzinato come grasso.'

Ma c'è un problema: più sei in forma, più più efficiente secondo uno studio, il tuo corpo riesce a riportarti a un metabolismo a riposo e la minore influenza dell'EPOC che potresti sentire. In altre parole, gli atleti altamente allenati potrebbero non ottenere lo stesso postcombustione degli individui in sovrappeso.


L'asporto

L'esercizio vigoroso mantiene il corpo a bruciare calorie per ore dopo che l'allenamento è terminato. E ce ne sono altri benefici dell'allenamento HIIT: potresti scoprire di perdere peso più velocemente, costruire muscoli più velocemente e aumentare la capacità aerobica. Prova HIIT per stimolare EPOC. Ma tieni a mente: tu non dovrebbe impegnarsi in questo stile di allenamento più di due o tre volte alla settimana in giorni non consecutivi.